Playfight & Agriarchia

21/09/2019 15:00
21/09/2019 18:00

Cos’è il Playfight?

Playfight è fare la lotta in maniera consapevole e giocosa. È conoscere se stessi e gli altri attraverso l’uso sicuro e responsabile della propria forza. È una maniera di risolvere conflitti e superare paure e limiti attraverso l’uso del corpo fisico, mentale ed emozionale. Un modo per riscoprirci in qualità di esploratori di noi stessi, dei nostri movimenti, della nostra giocosità e dei nostri conflitti, consapevolmente. Un modo per sviluppare la nostra intelligenza corporea ed emotiva. Per connetterci con l’altro in un modo autentico e meravigliosamente umano.

Playfight nasce dalla fusione tra la lotta e la mindfulness. La lotta per coinvolgere il corpo e la propria forza in maniera sicura e rispettosa. La consapevolezza per osservare cosa accade a un livello più profondo. Quali emozioni vengono innescate e comprendere come sia possibile giocare (la vita) in maniera differente.

Playfight è una pratica di gruppo. Ci riuniamo in cerchio e, al centro, si pratica il gioco-lotta. In questo modo possiamo entrare in relazione e supportarci a vicenda.
Usiamo il gioco della lotta ma non ci sono vincitori, né perdenti. Usiamo la nostra forza ma non ci facciamo del male. Alleniamo il nostro guerriero consapevole per sviluppare la pace interiore.

Come funziona concretamente?
Lo scopo dell’incontro di playfight è di connettersi con l’altro come guerrieri. Dopo una breve introduzione e alcuni giochi di riscaldamento comincia l’incontro di Playfight. Ogni incontro dura sette minuti e ha luogo al centro di un cerchio di supporto. Ogni combattente cercherà di bloccare l’altro cercando di portare entrambe le spalle a terra più volte possibile. Durante l’incontro, che va avanti finché il tempo non scade, non si parla. Alla fine dell’incontro vengono scambiate parole di apprezzamento, tra i due combattenti ma anche all’interno del cerchio.

Perché playfight?
Quando pratichiamo il gioco-lotta, apriamo uno spazio dove possiamo trovare il nostro guerriero interiore. Uno spazio dove l’intenzione è di connettersi con il proprio corpo, la propria forza e il nostro flusso, restando in contatto con il guerriero con cui stiamo facendo playfight. Il concetto è molto semplice ed è accessibile a chiunque. Probabilmente grazie alla sua semplicità, questo bellissimo rituale ci permette di “sentire” di più e di essere più presenti. Ci dà la possibilità di sperimentare la gioia che proviene dal connetterci allo stesso tempo con la nostra forza, la nostra benevolenza e l’autenticità della persona con cui ci confrontiamo.

Regole:
Un unica regola, "Evitare di fare male a me stesso e all'altro fisicamente ed emotivamente".
Ognuno si prende la totale responsabilità di se stesso, delle proprie azioni, della propria presenza.

Abbigliamento:
Vestiti comodi e preferibilmente con maniche e pantaloni lunghi.

Quando
Sabato 21 Settembre (dalle 15 alle 18)

Luogo:
Agriturismo Le Saline (all'interno dell'evento Agriarchia - Festa del raccolto)
Lio Piccolo, Via Della Sparesera 4, 30013 Cavallino-Treporti (vedi la mappa sotto)

Contributo:
€ 15 + contributo consapevole

Facilitatore "Roberto Pavan"

Info e prenotazione:
335 8241 691 Erik, 328 9449 461 Roberto, 
oppure scrivi a info@autentjca.it


Condividi